Una network meta-analysis per identificare le terapie più efficaci per la bulimia nervosa negli adulti

Riccardo Dalle Grave

Un studio recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista Psychological Medicine ha eseguito una network meta-analysis per confrontare l’efficacia dei trattamenti psicologici e farmacologici per la bulimia nervosa (BN).

La revisione sistematica è stata condotta ricercando gli studi pubblicati su Embase, Medline, PsycINFO e Central fino a inizio luglio 2016. Gli studi sono stati inclusi se si riferivano a trattamenti randomizzati e controllati psicologici, farmacologici o combinati per adulti che soddisfacevano i criteri diagnostici per la BN. Come outcome è stata considerata la remissione piena alla fine del trattamento.

Gli autori hanno identificato 21 studi idonei con 1828 partecipanti che hanno coinvolto 12 trattamenti, tra cui la lista d’attesa, la terapia cognitivo comportamentale individuale specifica per i disturbi dell’alimentazione (CBT-ED), la psicoterapia interpersonale (IPT) individuale,  l’auto-aiuto guidato basato sulla CBT-ED, la terapia comportamentale (BT) individuale, l’auto-aiuto puro basato sulla CBT-ED, la CBT-ED di gruppo, la fluoxetina, il rilassamento, la CBT-ED associata alla fluoxetina, la BT di gruppo e la terapia supportiva.

La network meta-analysis ha trovato che la CBT-ED individuale è la più efficace delle terapie esaminate nel produrre la remissione dalla BN alla fine del trattamento rispetto alla lista d’attesa (OR 3,89, 95% CrI 1,19-14,02), seguita dall’auto-aiuto guidato basato sulla CBT-ED (OR 3.81, 95% CrI 1.51-10.90).

Gli autori hanno concluso che la CBT-ED individuale e l’auto-aiuto guidato basato sulla CBT-ED sono gli interventi di prima scelta da offrire alle persone adulte affette da BN. Ulteriori ricerche sono necessarie per valutare gli effetti del trattamento sul mantenimento della remissione a lungo termine e per identificare i mediatori del trattamento.

 

Fonte: Slade E et al (2018). Treatments for bulimia nervosa: a network meta-analysis. Psychological Medicine 1–8.https://doi.org/10.1017/S0033291718001071

Questo sito utilizza cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi