Valutazione della competenza del terapeuta che somministra la CBT-E per i disturbi dell’alimentazione: misura basata sul role-play versus misura basata sul Web

Fonte:  Cooper Z, Doll H, Bailey-Straebler S, Bohn K, de Vries D, Murphy R, O’Connor ME, Fairburn CG (2017) Assessing Therapist Competence: Development of a Performance-Based Measure and Its Comparison With a Web-Based Measure. JMIR mental health 4 (4):e51. doi:10.2196/mental.7704

L’interesse della ricerca recente si è focalizzato su quale sia il modo migliore di formare i terapeuti e sulla necessità di sviluppare misure rigorose e scalabili per misurare la loro competenza nel somministrare i trattamenti psicologici. Quest’ultima è definita come la capacità del terapeuta di implementare una forma specifica di trattamento allo standard necessario per raggiungere gli effetti attesi.

Nella valutazione della competenza dei terapeuti ci sono due componenti da considerare: (i) la valutazione della loro conoscenza del trattamento, incluso come e quando usare le strategie e le procedure; (ii) la valutazione della loro abilità (skills) di applicare tale conoscenza nella pratica. Mentre la valutazione della conoscenza dei terapeuti del trattamento può essere eseguita in modo efficiente anche via Web o con questionari a scelta multipla, la valutazione delle abilità è eseguita da clinici esperti e richiede tempo e risorse non sono sempre disponibili.

Zafra Cooper e collaboratori del centro CREDO dell’Università di Oxford hanno recentemente pubblicato un studio che ha avuto l’obiettivo di sviluppare una misura di valutazione delle abilità del terapeuta basata sul role-play e di confrontarlo con una misura scalabile di valutazione della conoscenza basata sul Web.

I ricercatori hanno usato come modello la terapia cognitivo comportamentale migliorata (CBT-E) per i disturbi dell’alimentazione e hanno sviluppato 10 scenari clinici (vedi Tabella) assieme a uno schema di valutazione per la valutazione numerica della prestazione dei terapeuti in formazione. Prima di ogni scenario veniva fornita ai terapeuti la descrizione clinica da affrontare con la CBT-E assieme a una sintesi dei progressi del paziente nel trattamento, della sua storia e personalità. Ogni scenario è stato standardizzato in modo tale che la durata di interazione terapeuta-paziente avesse una durata di 8 minuti. Gli scenari sono stati valutati esaminando la prestazione di 93 terapeuti di diverso background professionale e a diversi livelli di training nell’implementazione della CBT-E. Tutti i terapeuti hanno anche completato una misura basata sul Web finalizzata a valutare la conoscenza della CBT-E.

Per la valutazione della qualità dell’implementazione delle procedure (cioè dei contenuti) è stata usata una scala a 7 punti (0 = completa assenza di applicazione di procedure CBT-E; 6 = consistente e completa applicazione di tutte le procedure CBT-E). Un punteggio 4 definito come una moderata applicazione delle procedure CBT-E) è stato preso come cut-off per definire una prestazione “competente”. Gli esaminatori hanno anche valutato con una risposta “Si” o “No” se lo stile del terapeuta fosse compatibile con quello della CBT-E utilizzando la descrizione dettagliata a lor fornita sia degli aspetti generici dello stile CBT (cioè essere caldi, empatici e collaborativi, fare domande aperte, focalizzare e incoraggiare il cambiamento) sia di quelli inappropriati (cioè essere insensibili ai sentimenti del paziente, non assistere l’angoscia del paziente, essere critici, non mantenere i confini professionali, dare al paziente informazioni personali che dimostrino comportamenti incompatibili con i consigli forniti al paziente, essere controllanti). Se il terapeuta aveva ricevuto un punteggio maggiore od uguale a 4 (che indica una prestazione competente), ma una risposta “No” nella valutazione dello stile il punteggio della scala a 7 punti veniva ristretto solo ai valori compresi tra 0 e 3.

La maggior parte dei terapeuti ha valutato la loro prestazione come moderatamente o molto simile alla prestazione abituale della loro pratica clinica. I terapeuti che hanno completato la formazione sulla CBT-E hanno raggiunto una competenza media con un’affidabilità buona ed eccellente con coefficienti di correlazione intraclasse da 0,653 a 0,909. La misura è risultata anche sensibile al cambiamento, con punteggi significativamente più alti alla fine del training rispetto al basale (differenza media 0.758, P <.001) anche tenendo conto di dati ripetuti (differenza media 0.667, P <.001). Infine i punteggi ottenuti dai partecipanti con la misura della conoscenza basata sul Web hanno efficacemente predetto la competenza dei terapeuti valutata con il role-play con un valore predittivo positivo del 77% e una specificità di 78%.

In conclusione i risultati di questo studio suggeriscono che la misura basata sul role-play recentemente sviluppata presso il centro CREDO è affidabile per valutare le abilità dei terapeuti ad applicare la CBT-E. Purtroppo questo metodo di valutazione richiede molto tempo e considerevoli risorse che non sono sempre disponibili. Il discreto valore predittivo della competenza dei terapeuti della misura delle conoscenze basata sul Web, uno strumento poco costoso ed altamente scalabile, suggerisce comunque che questo metodo di valutazione possa essere utilizzato in certe circostanze come alternativa alla valutazione più intensiva e costosa basata sul role-play.

 

Tabella. Gli scenari usati per la valutazione dell’applicazione delle procedure CBT-E

Fasi della CBT-E N° del scenario Contenuto del scenario
Fase 1 1 Creare le formulazione del caso
2 Rivedere l’automonitoraggio
3 Implementare e rivedere l’alimentazione regolare
4** Motivazione – incoraggiare e mantenere l’ingaggio nel trattamento
Fase 2** Misurare in modo collaborativo il peso e interpretare le modificazioni di peso
5 Rivedere i progressi e pianificare la Fase 3
Fase 3 6 Affrontare il check del corpo
7 Affrontare le abbuffate residue
8 Affrontare gli alimenti evitati e le regole dietetiche
9 Affrontare la sensazione di essere grassi
Fase 4 10 Riconoscere e manipolare il mind-set e preparare il futuro

*Questo scenario si focalizza su un argomento rilevate per tutte le fasi del trattamento. La situazione particolare nel caso del scenario 4 riguarda un paziente nella Fase 1 del trattamento.

**La Fase 2 del trattamento è una fase di transizione e non ha uno scenario associato

Questo sito utilizza cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi