Quando il disturbo dell’alimentazione coesiste con l’obesità: come comportarsi?

Riccardo Dalle Grave e Simona Calugi

L’obesità è la più frequente condizione medica osservata nelle persone con disturbi dell’alimentazione. Coesiste frequentemente con il disturbo da binge-eating e con alcuni casi di bulimia nervosa. L’obesità può precedere la comparsa di un disturbo dell’alimentazione, rappresentando a volte un fattore di rischio per il suo sviluppo o essere la conseguenza degli episodi ricorrenti di abbuffata. I disturbi dell’alimentazione e l’obesità, quando coesistono, tendono a interagire negativamente tra loro e a rendere più difficile il trattamento.

La perdita di peso è SEMPRE controindicata quando l’obesità coesiste con la bulimia nervosa, perché la dieta mantiene la psicopatologia del disturbo dell’alimentazione aumentando le preoccupazioni per l’alimentazione, la frequenza degli episodi di abbuffata e l’intensità dell’eccessiva valutazione del peso e della forma del corpo (vedi Figura).Le persone con bulimia nervosa hanno, infatti, la tendenza a reagire in modo negativo ed estremo, spesso dicotomico, alla quasi inevitabile rottura delle regole dietetiche adottate per perdere peso ed anche una piccola trasgressione tende ad essere interpretata come la prova di scarso autocontrollo e debolezza personale. La risposta a questa percepita mancanza di autocontrollo porta ad un temporaneo abbandono dello sforzo di restringere l’alimentazione che sfocia nell’episodio di abbuffata. Quest’ultimo mantiene la psicopatologia specifica e nucleare intensificando le preoccupazioni di essere incapaci di controllare il peso, la forma del corpo e l’alimentazione, e incoraggia un’ulteriore restrizione dietetica, aumentando così il rischio di altri episodi di abbuffata. La perdita di peso può essere considerata solo dopo un periodo prolungato di remissione dalla bulimia nervosa (almeno un anno), ma deve essere realistica e strutturata con un piano alimentare moderatamente ipocalorico e “flessibile” in modo tale da non favorire la ricaduta.


Figura. Formulazione di un paziente con bulimia nervosa e obesità coesistente

Nel caso della coesistenza dell’obesità con il disturbo da binge-eating per decidere se sia possibile cercare di superare il disturbo dell’alimentazione e nello stesso tempo perdere peso oppure se questi due obiettivi siano incompatibili tra loro va valutata la presenza dell’eccessiva valutazione del peso, della forma del corpo e del loro controllo (vedi box). L’eccessiva valutazione del peso e della forma del corpo va distinta dall’insoddisfazione corporea che è molto diffusa tra le persone e non rappresenta un problema clinico. Una persona ha un’eccessiva valutazione del peso e della forma del corpo quando, invece, giudica il suo valore personale largamente, e in alcuni casi esclusivamente, in termini di peso e di forma del corpo.

Domande derivate dall’Eating Disorder Examination Interview (EDE) per valutare la presenza di eccessiva valutazione del peso, della forma del corpo e del loro controllo

  • Nelle ultime quattro settimane la sua forma del corpo (o il peso) è stata importante nell’influenzare come si è sentito (giudicato, pensato, valutato) come persona?
  • Se lei immagina le cose che hanno influenzano il modo in cui si è sentito (giudicato, pensato, valutato) (prestazione lavorativa o scolastica, essere un genitore, il matrimonio, come si relazione con le alter persone) e le mette in ordine di importanza, dove colloca la sua forma del corpo (o il peso)?

Se l’eccessiva valutazione del peso, della forma del corpo e del loro controllo è presente, laperdita di peso è controindicatae va adottata la stessa strategia descritta sopra per la bulimia nervosa. In questi casi, infatti, l’eccessiva valutazione si associa a una maggiore frequenza di episodi di abbuffata, ad un più grave disagio psicologico e danno psicosociale. Inoltre, l’adozione della dieta può, con gli stessi meccanismi descritti per la bulimia nervosa, mantenere la psicopatologia del disturbo dell’alimentazione.

Se l’eccessiva valutazione del peso, della forma del corpo e del loro controllo non è presente, può essere indicato affrontare il disturbo dell’alimentazione e contemporaneamente la perdita di peso con un piano alimentare moderatamente ipocalorico e “flessibile”. In questi casi, infatti, la perdita di controllo sull’alimentazione sembra essere mantenuta dall’uso del cibo per modulare gli eventi e i cambiamenti emotivi associati e non dall’adozione di regole dietetiche estreme e rigide. Le ricerche più recenti hanno confermato che in questa forma del disturbo da binge-eating, non solo una moderata restrizione dietetica cognitiva non aumenta la frequenza degli episodi di abbuffata, ma al contrario produce in media una loro diminuzione.

Referenze

Calugi, S., Ricca, V., Castellini, G., Lo Sauro, C., Ruocco, A., Chignola, E., . . . Dalle Grave, R. (2015). The Eating Disorder Examination: Reliability and validity of the Italian version. Eating and Weight Disorders, 20(4), 505-511. doi:10.1007/s40519-015-0191-2

Grilo CM, White MA, Gueorguieva R, Wilson GT, Masheb RM. (2013). Predictive significance of the overvaluation of shape/weight in obese patients with binge eating disorder: findings from a randomized controlled trial with 12-month follow-up. Psychological Medicine, 43(6),1335-44. doi: 10.1017/S0033291712002097.

Calugi S, Ruocco A, El Ghoch M, Andrea C, Geccherle E, Sartori F, Dalle Grave R. (2016). Residential cognitive-behavioral weight-loss intervention for obesity with and without binge-eating disorder: A prospective case-control study with five-year follow-up. International Journal of Eating Disorders, 9(7),723-30. doi: 10.1002/eat.22549.

Dalle Grave, R. (2018). Come vincere i disturbi dell’alimentazione. Un programma basato sulla terapia cognitivo comportamentale(Terza edizione). Verona: Positive Press.

Questo sito utilizza cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi